16.2 C
Milano
domenica, aprile 30, 2017

La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica si rifà alle prime comunità cristiane. Tutti i suoi membri s’impegnano a vivere il Vangelo di Nostro Signore Gesù Cristo, semplicemente in forma inclusiva e non esclusiva. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica  accoglie tutti e tutte nel Nome di Nostro Signore Gesù Cristo, morto e risorto per noi, incoraggiati dagli insegnamenti di Cristo. Tutti noi, Clero di questa Chiesa, preti operai, intendiamo vivere il Vangelo spezzando il Pane e la Parola nelle case, condividendo dolori, gioie e gli affanni di tutti i nostri fratelli in difficoltà (poveri). In questa società moderna, la Chiesa Cristiana Anglo Cattolica  vuole essere “testimonianza viva” della salvezza eterna del Nostro Dio al quale gli diamo testimonianza con la nostra vita più che con la parola.

La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica  è nata per  professare la dottrina cristiana della Chiesa dei primi “sette concili”. Come Chiesa, non riconosciamo l’infallibilità papale, che fu proclamata da Papa Pio IX. Come Chiesa Cristiana, professiamo una fede speciale in Maria, come Madre del Divino Salvatore, Madre di Dio e Madre nostra. La nostra, non è una fede esasperata in Maria, ma guardiamo alla Santa Madre come “esempio di fede da imitare”.

La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica  conferma la dottrina cattolica della Chiesa Universale di Cristo dei primi sette concili della chiesa indivisa, celebra i sette sacramenti, ma vive nel contesto di oggi. Accogliamo nella Chiesa, chiunque dichiari di amare il Signore. Riconosciamo al Papa un primato d’onore tra le chiese. Lo rispettiamo, lo ascoltiamo con massimo interesse, ma crediamo anche che la chiesa debba essere “un faro per la gente”. La validità dei sacramenti amministrati nella Chiesa Cristiana Anglo Cattolica sono validi grazie alla Successione Apostolica dei nostri episcopi.

Noi, Anglo Cattolici, professiamo la fede cattolica e non dipendiamo giuridicamente dalla gerarchia Vaticana, né siamo in comunione con essa. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica è nata con lo scopo di ritornare alla fede della chiesa indivisa del primo millennio, abbandonando le innovazioni introdotte in seguito, perché i concili dopo il primo millennio sono stati celebrati separatamente. Questo non significa essere contro la Chiesa Cattolica Romana, ma semplicemente creare con lei un cammino comune verso colui che ci unisce “Nostro Signore Gesù Cristo”.

La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica usa un rito proprio per la Celebrazione Eucaristica e per tutti gli altri sacramenti. La Chiesa riconosce come fonti della rivelazione sia la “Tradizione” che la “Bibbia” (compresi i libri deuterocanonici). La dottrina dell’aldilà è semplice, affermando che tutte le anime si purificano per la grazia di Cristo, negando così la necessità di un Purgatorio. Come già detto e specificato sopra, non mettiamo ostacoli alla vocazione mariana, riconoscendo entrambi i dogmi della Chiesa.

La nostra è una Chiesa Apostolica. Riconosciamo la Successione Apostolica e il primato onorifico del papa (in quanto vescovo di Roma e successore di San Pietro, il principe degli apostoli) ed è con lui in unione di preghiera e di amore. Tuttavia non riconosce il dogma dell’infallibilità papale e non attribuisce al pontefice la giurisdizione universale sui vescovi.  La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica  non riconosce l’obbligo DEL celibato per il clero ed ammette all’ordine diaconale anche le donne.

Riconosce il numero e l’efficacia dei sacramenti: oltre alla confessione auricolare, permette il rito della confessione collettiva, durante la quale i fedeli, dopo aver confessato i peccati direttamente a Dio, ricevono l’assoluzione dal sacerdote. L’Eucaristia, celebrata sempre sotto le due specie, ammette tutti i battezzati delle varie Chiese cristiane. Liturgia e paramenti sacri sono quasi identici a quelli della Chiesa cattolica romana. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica  è ecumenicamente aperta con tutti, vuole dialogare con tutti e soprattutto vuole stare in pace con tutti.

Il carisma proprio della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica è pregare e proclamare la nuova evangelizzazione tramite delle regole proprie. La vita di preghiera è dunque al centro dell’esperienza di ogni suo membro. Essa si dilata all’adorazione, personale o comunitaria, di fronte al Santissimo Sacramento, nell’intercessione per la Chiesa e per il mondo intero, per la propria trasformazione personale secondo l’immagine di Cristo stesso, mediante la grazia dell’effusione dello Spirito Santo, e infine, in modo particolare, per le vocazioni di speciale consacrazione: in questo senso, ai giovani che mostrassero particolari segni di vocazione sarà data particolare attenzione perché possano discernere la volontà di Dio nella loro vita e maturare così una libera e personale scelta.

Il nostro carisma ottiene per Grazia di Dio, mettendo una particolare attenzione verso tutti i giovani lontani dai sacramenti. Su questo punto, tutti noi, consacrati e laici vogliamo impegnarci in varie attività ricreative e culturali, che possano far rivivere quello spirito d’amicizia e coinvolgimento. Tutti ci impegniamo a vivere il Vangelo e soprattutto trasmetterlo e nello stesso tempo farlo vivere a tutti i giovani che vivono situazioni disagiate e molto particolari. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica vuole essere una vera e propria famiglia, che sotto guida dei nostri Santi protettori e dei Vescovi, ci portano sempre ad accogliere i giovani che sentono il bisogno nel cuore di “rinascere a nuova vita in Cristo Signore”.

La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica è composta da fedeli di qualsiasi stato laici, religiosi e sacerdoti, e desidera porsi a servizio del Popolo di Dio universale, sostenendo il cammino dei suoi membri verso la santità e formandoli alla missione della nuova evangelizzazione in ogni ambiente sociale per animare l’ordine temporale mediante lo spirito cristiano.

La nota di ecclesialità della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica si manifesta nell’integrità della dottrina, nel desiderio profondo di collaborazione con i legittimi Pastori a tutti i livelli e nell’obbedienza al proprio Primate. Essa dunque s’intende a servizio della missione santificatrice ed evangelizzatrice della Chiesa stessa, con la quale intende docilmente collaborare in vista della comune edificazione apportando la propria specifica identità. Valorizza il ruolo del laicato e il sacerdozio comune dei credenti, ma ritiene indispensabile la presenza o la direzione spirituale dei sacerdoti, che accoglie come dono particolare.

La devozione, l’amore e l’esperienza personale dello Spirito Santo sono il perno ed il fulcro della vita della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica. Questa è dunque la spiritualità propria di essa, non in senso esclusivo, ma in senso specificativo, a sottolinearne la centralità e la portata. Il fine è la santificazione universale: non dunque solo dei propri aderenti, ma la dilatazione dell’annuncio efficace del regno di Dio in questo mondo attraverso la testimonianza dello Spirito Santo, invocato e sperimentato.

È poi presente nella spiritualità della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica  una particolare attenzione alla Madre del Signore Gesù, Maria Santissima. Nella devozione mariana si guarda a Maria come stella della Nuova Evangelizzazione, Madre delle Divine Vocazioni e collaboratrice dello Spirito Santo nel nostro lavoro di santificazione. Questo siamo e questo professiamo.

LA DOTTRINA DELLA CHIESA CRISTIANA ANGLO CATTOLICA

  • Una proposta di vita nella Chiesa
  • La Fede in Cristo Signore
  • La Santissima Trinità
  • Gesù Cristo
  • Il Credo di Nicea
  • Il Simbolo Apostolico
  • La Sacra Scrittura
  • Il Battesimo dei Figli di Dio
  • La Santa Eucaristia
  • Unzione degli infermi
  • La Riconciliazione o sacramento della Confessione
  • La Confermazione
  • Il Matrimonio
  • La Famiglia come Missione
  • Divorzio e persone risposate
  • Maria e Spiritualità Mariana
  • Il Purgatorio
  • Paradiso e Inferno
  • Reincarnazione e Resurrezione
  • I Sacramenti
  • Pena di morte
  • Aborto
  • Unicità della Chiesa
  • Infallibilità Papale o Patriarcale
  • Primato Papale
LA CHIESA CRISTIANA ANGLO CATTOLICA PROPONE

La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica crede fermamente nella Vera, Unica, Assoluta, Principale e Universale Chiesa fondata, istituita e voluta dal Cristo vivo e risorto. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica trae la sua dottrina dai Vangeli e dalle Sacre Scritture. Moltissime Chiese inseriscono nelle proprie denominazioni la locuzione “Universale” o “Chiesa Universale” in forma palese o no. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica non si considera una Chiesa Universale, ma parte di quella Chiesa Cristiana che Nostro Signore ha voluto universale e così costituita e istituita per Grazia di Dio. Il Padre Celeste nel suo immenso amore per l’essere umano, ha inteso riconfermare, con la venuta del Cristo, la promessa della salvezza per tutti gli uomini di buona volontà. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica si adegua al volere di Dio, attraverso Nostro Signore Gesù Cristo che ci ha indicato la via e riconciliato con il Padre. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica crede fermamente che, con la venuta del Cristo sulla terra, Dio Padre volle perfezionare la nostra vita spirituale proprio attraverso l’istituzione della sua Santa e Universale Chiesa Cristiana. Gesù non ha mai parlato in segreto o discriminato alcuno ma ha semplicemente voluto insegnarci la vera fede in Dio. Gesù istituì due semplici comandamenti che devono essere considerati fondamentali e prioritari:

  1. Ama il Signore, tuo Dio, con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente.
  2. Ama il tuo prossimo come te stesso.

Tutta la legge di Mosè e tutto l’insegnamento dei profeti dipendono da questi due comandamenti.” (Matteo 22. 37)

Questi due comandamenti fondamentali vengono spesso derisi, deturpati, usati in modo inappropriato e soprattutto violati. Pensiamo alle centinaia, forse migliaia di Chiese Indipendenti ufficiali e non ufficiali, che si proclamano “Cristiane” per tenere solo alto un vessillo identificativo statutario o giuridico, ma nella sostanza non sono affatto cristiane. Molte Chiese Indipendenti si fanno guerra tra loro, creano barriere e divisioni persistenti e insanabili invece di unirsi nella fratellanza cristiana universale. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica invita tutti a dare senso alla parola Cristiani. Tutti vogliamo essere protagonisti, tutti vogliamo essere Patriarchi, Primati, Vescovi o Sacerdoti di una fetta di Clero e del Popolo Cristiano, ma pochi in realtà desiderano essere parte della Vera Chiesa di Cristo. Osservando con attenzione sono troppe le Chiese o le Prelature, costituite solo da altisonanti titoli ecclesiali vuoti di contenuto. Nostro Signore ha insegnato che non sono le parole ma le azioni che definiscono i cristiani. Essere cristiani significa amare e aiutare il prossimo specificatamente le persone più deboli e disagiate e il compito della Chiesa è sostenere quante più persone è possibile diffondendo il messaggio evangelico proprio in questo modo. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica ritiene che auto celebrazioni e titoli auto conferiti non hanno abbiano alcun valore cristiano. Troppi sacerdoti o sedicenti tali si occupano esclusivamente di screditare le altre Chiese, senza umiltà e senza correttezza, senza morale ne spiritualità. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica al contrario invita ogni Chiesa e Confessione Religiosa al dialogo reciproco fraterno e costruttivo. Ogni Chiesa Cattolica che dispone di una valida Successione Apostolica è divina e indipendente, ma questa autonomia non può che essere esaltata da un dialogo sincero e profondo con le altre Chiese indipendentemente dalla notorietà della quale godono e dal numero dei loro fedeli. Tutte le Chiese, nessuna esclusa, sono state chiamate alla professione dell’amore verso ogni fratello quindi tutto si fonda sul rispetto e la comprensione reciproca. Ogni Chiesa e ogni Confessione Religiosa deve agire concretamente nel mondo di concerto e in piena armonia. Dobbiamo sottolineare le cose che ci uniscono e minimizzare le differenze in una fratellanza realmente universale. Dobbiamo riconoscere i nostri errori e cercare di sopportarci a vicenda nella diversità che ci caratterizza. Perché avere connotazioni diverse significa contribuire all’evoluzione umana avvicinandosi senza allontanarci. È facile distruggere molto difficile invece costruire e spesso egoismo e meschinità personali prevalgono. Quando ci si accosta ad una realtà migliore e più grande le persone meschine scelgono di denigrare ma solo i grandi uomini scelgono di seguire l’esempio dei migliori per migliorarsi. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica non può stare inerme a guardare questa confusione universale tra Chiese indipendenti che non dialogano ma cerca, nel suo piccolo, di dialogare con tutti. Tutti dobbiamo essere come Gesù ci vuole, cioè Luce per il Mondo e Sale per la terra (Matteo 5:13-14). Tutti e in primo luogo Diaconi, Sacerdoti e Vescovi dobbiamo aderire al Regno di Cristo e , nella Grazia di Dio, valutare secondo coscienza i nostri doveri e comportamenti. Le Chiese devono seguire la Via della luce e della vita nel Cristo in comunione con gli altri e senza protagonismi. Chi intende mantenere nella propria realtà uno scettro di potere deve essere conscio che un giorno tale simbolo sarà seppellito insieme con i propri rimorsi e le proprie miserie umane, ma ora genera solo confusione e sconcerto soprattutto tra i fedeli che costituiscono l’essenza viva e pulsante di ogni vera Chiesa e Confessione Religiosa. Le assurde campagne di propaganda e marketing di Chiese create senza alcun fondamento generano solo confusione e sono tutte iniziative che non possiedono nulla di religioso. Ogni Chiesa deve comportarsi come tale amando e rispettando tutti indipendentemente dalle proprie dimensioni, deve comprendere il vero valore della propria missione, che non riguarda quei pochi fedeli, amici e preti che ci seguono, ma deve essere molto più ampia. Noi stiamo cercando di immaginare l’istituzione di un Santo Sinodo Comune Internazionale: un gesto gesto d’unione di importanza enorme in un mondo nel quale i Vescovi mancano di fede vera, oppure si credono PADRI CELESTI sulla terra e parlano male gli uni degli altri dimenticando che il Sacerdote deve benedire cioè sostenere con i fatti e le parole il proprio fratello. In questo momento Vescovi e Sacerdoti delle varie Chiese sono in un conflitto permanente difficile da risanare anche se tra persone intelligenti e realmente cristiane tutto può essere messo da parte. Come molte altre volte nella storia incombe la minaccia di un conflitto tra fratelli e sorelle che credono di essere dalla parte della ragione assoluta tagliando la testa e bruciando vivi ogni miscredente. Una minaccia che nei secoli ha preso molti nomi e si è spesso celata sotto guerre falsamente combattute in nome della religione. Ma si tratta di pretesti per mascherare in realtà la brama di potere, il desiderio di conquista, l’egoismo, l’indifferenza, il personalismo, l’ipocrisia e la maldicenza cioè atteggiamenti che rendono abbietti. Tutti credono di essere nella ragione, ogni Chiesa vanta pretese successioni apostoliche, vuole insegnare la vera fede, proclamare il vero Vangelo, asserisce di amare e accettare tutti quando in realtà è non è così: belle parole ma vuote di significato. Ci sono Chiese che non ordinano perché un giorno potrebbero fondare altre Chiese viste non come nuove comunità di fedeli ma come nuovi troni e centri di potere. Le Chiese non devono essere centri di potere addirittura con proprie banche e malfattori in abito talare che nulla hanno a che vedere con Nostro Signore. Come può il Signore benedire le Chiese se non obbediamo al suo comandamento di amarci e rispettarci? Come può il Signore benedire la Santa Eucarestia, se ci odiamo profondamente? Forse, una riflessione arrivati a questo punto è necessaria. Ogni uomo è chiamato alla salvezza eterna, nessuno escluso. Non dobbiamo sentirci i detentori unici della verità e mettere da parte ogni protagonismo per far diventare unico e vero protagonista delle nostre realtà Gesù Cristo Nostro Signore. Crediamo che sia arrivato il momento per un dialogo profondo, sincero e unitario tra le Chiese che possa edificare di comune accordo la vera Patria di Cristo, il Regno tanto decantato da tutte le realtà ecclesiali. In silenzio, ascoltiamo per un istante la voce di Cristo che ci dice Unum Sint. Crediamo tutti che Cristo sia l’unico Maestro di tutti in una realtà che deve essere universale. Allora presentiamo, tutti uniti, il messaggio di Cristo al mondo. Gesù si presentò come un falegname, semplice e umile facendosi servo di tutti. Allora celebriamo quella nascita semplice senza ignorare il suo esempio e dividerci. Sembra che nessuno sia davvero umile, nessuno voglia intraprendere un cammino comune nel rispetto reciproco nella diversità, perché ognuno brama il potere anche in una piccola e insignificante realtà. Come possiamo edificare il Regno di Dio? La risposta deve nascere dal cuore non dalla brama di potere. Da Gesù Cristo scaturisce l’unità che ci costituisce fratelli e sorelle riuniti nell’unico Regno della terra attraverso la sintesi, spirituale ed apostolica, dell’Ultima Cena. Confidiamo nelle parole di Gesù Cristo espresse nell’ultima cena che impongono di amare. Abbandoniamo questa sete di potere che conduce alla divisione. Uniamo le forze per la salvezza delle anime, rifuggiamo le distinzioni e collaboriamo istituendo un Santo Sinodo Internazionale, affinché tutte le nostre realtà diventino Luce per il mondo.

Per questo preghiamo, amen!

Credere che Gesù è il Salvatore deve spingere tutti a seguire gli insegnamenti del Vangelo

La fede è un sentimento profondo nato grazie all’intervento divino di Dio che mandò il suo Figlio Unigenito Gesù Cristo sulla terra. La fede in Cristo ci porta a compiere ogni giorno opere buone in suo nome, affinché tutto sia fatto per lui e non per nostra gloria personale. La scrittura ci insegna che “la fede senza le opere non può avere valore” (Giacomo 2:20). Le buone opere sole non danno salvezza all’uomo, poiché Cristo non diede un numero definito oppure definitivo delle opere che possono essere compiute per ottenere la salvezza. Gesù ci chiede molto di più. Oltre alle opere, Cristo ci chiede una fede genuina, senza compromessi o condizioni. Nessuno può o deve dettare condizioni a Nostro Signore.

L’uomo può fare migliaia di buone opere, ma se queste vengono fatte per “lucro personale” non valgono niente. Gesù chiede alla sua Chiesa di seguirlo ovunque lui ti indica, facendo quello che Egli ci dirà. Aiutare poveri e bisognosi, questa deve essere la vera missione della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, affinché su ogni azione venga glorificato Nostro Signore Gesù Cristo.

I poveri devono essere al centro della nostra missione perché in loro possiamo vedere, sentire e contemplare il Volto Santo di Cristo Signore.

Tutti dobbiamo essere sicuri di aver riposto la nostra fede al sicuro. Dobbiamo credere fermamente che Gesù Cristo è quello che dice di essere, senza alcun dubbio. La Fede in Cristo Signore è il continuo rivolgersi a lui con vera e profonda fiducia. In noi deve sempre vivere la certezza che Cristo ascolta la nostra preghiera, che Gesù non si dimentica di nessuno.

Gesù nel suo messaggio evangelico ci dice “la via, la verità e la vita” (Giovanni 14:6). Tutti dobbiamo credere che la via è Cristo, quella via che ci conduce alla salvezza, certo con mille difficoltà, però dobbiamo credere nella verità da lui annunciata per ridarci la vita.

Seguendo l’esempio di Gesù, mettendo soprattutto in pratica le Sue parole, sentiamo crescere la nostra fede fino a che diventa una forza attiva nella nostra vita, che ci aiuta a pentirci dei nostri peccati e ad affrontare le nostre difficoltà. La fede in Gesù Cristo non è una semplice dichiarazione del proprio credo, è una sorgente di potere che possiamo rinnovare ogni giorno studiando le Sue parole, pregando e cercando di seguire maggiormente il Suo esempio. 

La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica confessa e professa l’Unico e Vero Dio “Padre, Figlio e Spirito Santo” nell’unica e indivisibile Trinità.
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica professa la propria fede nel Signore Gesù Cristo. In Lui si riconosce la Chiesa Cristiana Anglo Cattolica e tutto il nostro operato. Crediamo che Gesù è il Figlio di Dio, nato da Maria, che patì sotto Ponzio Pilato, morì e fu sepolto, il terzo giorno resuscitò dai morti, salito al cielo siede alla destra di Dio Padre e un giorno verrà a giudicare i vivi e i morti, con un Regno senza fine. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica è convinta e soprattutto crede, che il Credo di Nicea deve essere accettato come vera definizione del Cristianesimo. Noi, Sacerdoti della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, professiamo questo credo con forza e determinazione, perché come già detto è la definizione dell’essere cristiano. 
Il simbolo degli Apostoli viene accettato come una valida dichiarazione di fede. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica crede che la Sacra Scrittura sia il pilastro fondamentale di verità e di fede. Tutti i sacerdoti e fedeli della Chiesa, s’impegnano nella lettura quotidiana della Sacra Scrittura. Chiunque professi la nostra stessa fede, deve anche avere come ispirazione il Vangelo di Cristo. Crediamo profondamente nel Vangelo e seguiamo con molta attenzione gli insegnamenti di Nostro Signore.
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica riconosce tutte le persone battezzate di qualsiasi chiesa dichiaratamente Cristiana e non necessariamente cattolica. Il Santo Battesimo è il primo di tutti i sacramenti donati da Dio, tramite l’opera e il sacrificio di Nostro Signore. Con il Battesimo si sancisce un profondo legame con Dio, cioè si diventa “figli rinati nel Padre” per mezzo dello Spirito Santo. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, professa un solo battesimo per il perdono dei propri peccati. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica non impone di ricevere il Sacramento del Battesimo da Bambino, ma una persona può essere battezzata anche da adulto. Dobbiamo precisare, che le persone non battezzate, non possono accedere al sacramento dell’Eucarestia, della Riconciliazione, della Confermazione o dell’Ordine Sacro.
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica riconosce nella Santa Eucaristia “l’alimento del Corpo e Sangue di Cristo”. La Santa Eucaristia, posso riceverla nella Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, tutti coloro che sono stati elevati alla dignità del sacerdozio regale per mezzo del Battesimo, in altre parole “basta essere battezzati per ricevere la comunione”. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica non fa distinzioni nel distribuire la Santa Eucaristia, perché proprio Nostro Signore disse “Prendete bevete e mangiatene tutti”. Il Sacerdote non può decidere lui a chi dare o non dare la comunione, ma rispettando il comandamento di Cristo, deve darlo indistintamente. La consacrazione avviene tramite l’imposizione delle mani, con l’elevazione del Pane e del Vino, da parte di un Sacerdote validamente ordinato. Questo sacramento costituisce un segno d’adorazione verso colui che fece questo grande dono. Tutti, sacerdoti e fedeli della Chiesa, devono riconoscere con vera e autentica fede, il sacrificio eucaristico che si compie durante il Rito della Santa Messa. Le celebrazioni della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, siano aperte a tutti coloro che hanno fame e sete di verità e vengano saziati con il Pane della Vita e con il Calice della salvezza eterna. 
Ricevendo da un Presbitero tramite una preghiera “la Sacra Unzione degli Infermi”, la Chiesa Cristiana Anglo Cattolica in quel momento in comunione con tutti i credenti, raccomanda le sofferenze dell’ammalato a Nostro Signore, affinché tramite quella sofferenza “sia glorificato il Figlio di Dio”. Crediamo fermamente, che tramite questo “sacramento” il Signore va ad alleggerire le pene dell’ammalato, salvandolo dalla morte eterna. Nessuno deve essere escluso da questo sacramento, ma tutti siano partecipi del conforto di Cristo e dalle nostre preghiere. Nessun Sacerdote può rifiutare questo sacramento, anzi con amore e fede deve essere dato anche a coloro che non si professano cristiani. Se qualche NON CRISTIANO si presenta dianzi ad un sacerdote per ricevere l’unzione degli infermi, ove accertato un pericolo visibile di vita, Egli venga ammesso subito al Sacramento del Battesimo e dell’Unzione. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica deve amministrare con amore il Sacramento della Riconciliazione. Questo sacramento può essere amministrato in due modi quello comunitario o personale. Il Sacramento della Riconciliazione comunitario sia dato durante la Santa Messa, la cui liturgia deve essere necessariamente celebrata da un Vescovo o Presbitero validamente ordinati. La riconciliazione è detto anche “Sacramento della Guarigione” che si unisce con la Sacra Unzione degli Infermi. Tutti sono chiamati e hanno il diritto di essere riconciliati con il Padre tramite Nostro Signore. Il Sacerdote, nel sacramento della riconciliazione personale, ascolti con amore il peccatore che si confessa, gli dia consigli e lo assolvi se necessario dal peccato. L’assoluzione e la penitenza sia sempre data con amore e con la carità, che deve sempre essere il motore del sacerdozio. Nessuno può rivelare le confessioni, nemmeno se imposto da un superiore. Chiunque riveli le confessioni, può incorrere nella scomunica e nella sospensione a divinis. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica crede nel sacramento della Confermazione, come atto d’amore e di unione più profonda con Cristo e la sua Chiesa. Crediamo che, nel sacramento della Confermazione il Popolo di Dio riceve il “Sigillo dello Spirito Santo” tramite l’unzione della fronte con l’olio crismale. Il Sacramento della Confermazione è amministrato dal Vescovo, ma può essere amministrato da un Presbitero “con espressa autorizzazione del Vescovo”. Nessuno dei nostri presbiteri può amministrare il Sacramento della Confermazione, senza l’autorizzazione del Vescovo. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica crede nel patto del matrimonio con cui due persone battezzate si uniscono tra loro per dare vita ad una comunità di vita famigliare. Possono accedere al matrimonio religioso fedeli ambosessi che hanno ricevuto il battesimo cristiano, comprovato da documenti della Curia o religione cristiana d’appartenenza. L’atto matrimoniale della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, costituisce una vera e propria promessa dinanzi al buon Dio. Nessuno può chiedere l’annullamento del matrimonio religioso, senza delle vere e proprie prove che comprovano la “nullità dello stesso”. Tutti possono contrarre il matrimonio, se non sono mai entrati in contrasto con il presente Codice Canonico della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica. Tutti coloro che vogliono contrarre un matrimonio religioso, devono partecipare a dei corsi formativi della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, affinché ognuno sappia cosa si celebra e quali sono i propri diritti e doveri. 
Non è abominevole dire che tutti possono avere una famiglia. Dio ci lascia liberi di scegliere, d’amare e sposare chi vogliamo e amiamo. Non è una differenza sessuale che ci allontana da Dio. Quello che da sempre ci allontana da Dio, sono i tradimenti e le vite nascoste. Il contesto di oggi ci porta a scegliere da che parte stare, da quella della “tradizione ecclesiale” o dalla parte dell’amore.

Non stiamo sminuendo affatto il matrimonio detto di Dio “uomo e donna” stiamo solo mettendo in atto le parole di Gesù che ci invitava a non fare differenze. Nostro Signore dona amore a tutti senza alcuna distinzione di razza, colore, credo, orientamento politico o sessuale. Bisogna saper amare tutti senza alcuna discriminazione. Infatti, è proprio Dio che ci organizza in famiglie cosicché possiamo crescere felici e sicuri e possiamo imparare ad amare gli altri in modo disinteressato. Oggi purtroppo, si pensa sempre ad un tipo di handicap causato da famiglie parallele alla tradizionale. Dio non giudica le famiglie cosiddette parallele, anzi, li benedice e rafforza sempre di più.

La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica deve aiutare Dio in questa grande missione, per aiutare le famiglie a ottenere benedizioni eterne, senza farne nessuna distinzione o discriminazione. Noi crediamo che la più grande benedizione che Egli ci dà è la possibilità di tornare a vivere con Lui in cielo con la nostra famiglia, qualunque essa sia. Noi facciamo la volontà del nostro Padre Celeste perché è così che guadagniamo tale benedizione.

Tutti siamo parte di una famiglia, una grandissima famiglia. Nella Chiesa tutti si chiamano “fratello” o “sorella” perché siamo tutti figli dell’unico Dio vero e Trino. Noi crediamo che ciascuno di noi, anche coloro distanti dal cristianesimo, sono nostri fratelli e sorelle, perché figli dell’unico Padre Celeste. Nessuno può arrogarsi il diritto di dire “tu verrai condannato” perché questo è un compito di Dio, non il nostro.

Come Chiesa abbiamo il dovere di accogliere tutti con le braccia aperte, chiunque esso sia. L’amore fraterno deve vincere su tutto. Per questi motivi consideriamo famiglia, qualsiasi tipo d’unione tra due persone che si amano. Troppe volte abbiamo emarginato i fratelli estranei alla famiglia tradizionale, questo non è cristiano. Tu fratello o sorella che per la prima volta ti avvicini alla nostra Chiesa, sappi che il nostro credo e nostro Signore ci impone di amare e non di giudicare. 

La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica crede fermamente nell’unione tra due persone. Il matrimonio è l’unione sacramentale tra due persone che, tramite il Sacramento del Matrimonio si uniscono, per Grazia di Dio, per sempre. La nostra Chiesa non mette limiti alla Grazia, come non fu messa da Nostro Signore, pertanto non vogliamo fare distinzioni di sesso per questo sacramento, che riteniamo debba essere accessibile a tutti. Molte volte, nella vita possono accadere tantissime cose nel rapporto di coppia o matrimoniale, portando quest’ultimi alla decisione del divorzio. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica non dice che “il divorzio è giusto” ma non può negare nemmeno questo diritto.  Non è con il Divorzio che uno viene escluso dalla Grazia di Dio. Pertanto, i divorziati vengono accettati da noi con le braccia aperte, senza alcuna discriminazione. L’essere umano deve essere libero di scegliere con chi condividere la propria vita, senza avere una Chiesa che proibisce questo fondamentale, cristiano o non cristiano. Quindi, la Chiesa Cristiana Anglo Cattolica accetta le seconde nozze e il divorzio in giusta ragione. Le persone divorziate o risposate, possono accedere liberamente a tutti i sacramenti della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica. 
Nostro Signore, come ci dice la Sacra Scrittura “è nato da Maria Vergine”. I dogmi dei primi sette Concili, essendo l’espressione della Chiesa indivisa, sono universalmente riconosciuti. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica accetta, pur provenienti dopo i sette concili, le definizioni dogmatiche dell’Immacolata e dell’Assunzione, ma non sono ritenute obbligatorie. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, lascia liberi i propri membri di seguire o non seguire le spiritualità mariane. Riconosciamo come Chiesa, il culto della Vergine Maria e dei Santi. Teniamo a precisare che, la Chiesa Cristiana Anglo Cattolica crede che la spiritualità mariana sia una questione di fede individuale d’ognuno. Quindi, le preghiere a Maria non sono centrali per la nostra fede o essenziali, però esse non sono nemmeno contrarie sia alla nostra spiritualità, dottrina e cristianità. La spiritualità mariana, con tutte le preghiere rivolte a Maria, fanno parte della lunga tradizione popolare della Chiesa. Maria non è al centro della nostra predicazione, perché siamo centrati verso il messaggio evangelico di Cristo, però non si escludono le predicazioni mariane. Riconosciamo a Maria il ruolo di Madre della Chiesa e Madre delle Divine Grazie, perché essa è “la Madre di Nostro Signore Gesù Cristo”. Quindi, riconosciamo Maria come nostra Madre, ma gli riconosciamo sempre un ruolo minore nella redenzione del Popolo di Dio. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica crede che tutti gli uomini a causa del peccato necessitano obbligatoriamente della grazia di Dio. La purificazione dal peccato viene attribuita ad un luogo e non ad un tempo. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica crede nella purificazione del peccato prima di entrare in paradiso, ma questo processo deve avvenire durante la nostra vita. Il peccato deve essere pagato sulla terra, con gesti di carità e d’amore. Dio rende l’uomo consapevole dei propri errori, fa sentire gli sbagli e corregge il suo comportamento. L’uomo è libero di purificarsi o no da tutte quelle colpe che Dio ci fa sentire, no per punire l’uomo. Quindi, respingiamo l’idea del Purgatorio nell’aldilà e la spurgatura dopo la morte, dove le persone sono condannate a restare anni e anni per presentarsi in un tempo non definito dinanzi al Padre. Dio conosce l’uomo, ama la sua imperfezione e non giudica in modo abominevole il suo peccato, ma lo perdona con amore e misericordia. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica respinge anche le cosiddette indulgenze perché la condizione della persona non può essere cambiata da aspetti finanziari o dietro ricompense per ricevere speciali benedizioni, ma cambia con gesti d’amore verso il prossimo (ancora in vita). 
Per i cristiani, la morte è la celebrazione della vita. La liturgia funebre è una celebrazione del battesimo e della Pasqua. Il Cristianesimo ruota attorno l’evento più importante della storia umana, la resurrezione di Gesù Cristo. Allo stesso modo, le persone come individui ruotano attorno all’evento più importante della loro vita, il loro battesimo. Il Cielo è acquistato per noi dall’amorevole sacrificio di Gesù Cristo. Questo evento ha cambiato per sempre la storia ed è l’unica fonte di salvezza. È un pagamento sufficiente per portare tutte le persone al cielo per grazia di Dio. Le Nostre convinzioni e azioni sono secondarie all’opera di Dio in Gesù Cristo. Quando moriamo come cristiani battezzati, entriamo nella presenza di Dio. Questo è chiamato paradiso. Esso rimane una possibilità, ma non una certezza, a noi è data la possibilità di accettare questo dono, anche dopo la morte, e che Dio presenta questa opzione anche a coloro che non sono stati battezzati. Il paradiso è esterno all’universo. È un regno spirituale in cui non esistono gli attributi fisici di spazio, tempo, materia ed energia. Gli esseri umani sono sia fisico che spirituale. Questi non sono necessariamente opposti, ma sono diversi aspetti della nostra esistenza umana. È sbagliato pensare che per spirituale s’intende come “buono” e il fisico come “male” (o viceversa). Con la morte lo spirito si separa dal nostro corpo fisico. Pertanto è tutto l’universo ad entrare in paradiso o all’inferno. Non è solo la terra che parte, ma l’universo, l’intera creazione fisica che include tutti i pianeti, stelle e le galassie. Alla morte diparte anche il tempo. È difficile per noi comprendere l’esistenza senza tempo e spesso non pensiamo che il tempo sia “fisico”, ma il moderno relativistico fisico ci dice che lo spazio e il tempo e la materia e l’energia sono tutti correlati. Il cielo è il luogo di culto eterno e infinito di amore e gioia. L’inferno è il luogo dell’eterna solitudine e separazione. Il Libero arbitrio è parte del fabbisogno dell’amore. Se vogliamo amare veramente Dio, noi dobbiamo essere in grado di farlo a propria scelta, piuttosto che di forza. Pertanto, siamo anche in grado di rifiutare Dio. La Volontà di Dio è che tutti celebrino la vita eterna in cielo; Tuttavia, anche questo non è imposto da Dio. Dopo la morte ci viene data la scelta. Coloro che rifiutano Dio possono finire all’inferno, non come punizione, ma perché hanno scelto questo. Per coloro che hanno vissuto vite centrate intorno al culto di Dio, la scelta può essere molto naturale. Per coloro che non hanno mai avuto Dio nella loro vita, o sono pietrificati dal pensiero d’amore, la scelta può essere difficile, e alcuni possono anche scegliere l’inferno. Questo non è perché Dio è arrabbiato o punisce, ma egli non forza l’amore. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica  respinge l’idea della “reincarnazione” perché contraria al cristianesimo. Non crediamo alla reincarnazione dell’anima in un altro corpo. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica crede nella resurrezione alla fine dei tempi, cioè alla seconda venuta del Salvatore. Pertanto, respingiamo ogni teoria sulla reincarnazione in altri corpi, perché questa per noi è una sola ed unica vita messa a disposizione da Dio Padre. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica celebra tutti i sacramenti di fede cattolica. Per quanto riguarda il Battesimo, può essere amministrato nei due modi storici “ortodosso e cattolico” cioè, per infusione oppure per immersione. La Cresima è amministrata da un Vescovo oppure da un Presbitero autorizzato dal Primate o dal proprio Vescovo di riferimento. Il giorno di Pentecoste, il sacramento della Confermazione, può essere amministrato da tutti i sacerdoti della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, dopo aver comunicato i nomi dei candidati alla Cancelleria Generale della Chiesa. L’Eucarestia nella Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, può essere celebrata usando pane di frumento fermentato oppure ostie e particole. Per il vino si raccomanda di usare il rosso o rosato mescolato in acqua non fredda. La Comunione del popolo di Dio può essere fatto sia sotto le due specie oppure con una sola specie. Le particole o il pane consacrato, non può essere ricevuto sulle mani. Per ricevere la Comunione, il credente deve, aver meditato necessariamente i propri errori e dopo aver chiesto perdono a Dio. Nessuno deve essere escluso dalla Comunione sacramentale. La Comunione può essere amministrata a tutti, compresi i bambini piccoli, questo avviene tramite le Parole di Nostro Signore che disse “Prendete e mangiatene tutti”. La Penitenza o riconciliazione deve essere fatta almeno una volta al mese. Si consiglia un Padre Spirituale per tutti, in caso di necessità da qualsiasi Presbitero sia Cattolico oppure Ortodosso. L’Unzione degli Infermi deve essere richiesta dalla persona inferma o moribonda. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica  non può amministrare questo sacramento senza l’autorizzazione del ricevente. L’Unzione può essere amministrata anche a tutti coloro che soffrono spiritualmente. L’Ordine Sacro è il sacramento d’importanza straordinaria, perché costituisce tra il popolo di Dio, i Ministri del Vangelo e dell’Eucarestia. I Ministri Ordinati possono essere celibi o sposati. L’Ordine è amministrato da un Vescovo della Chiesa. Al contrario della Chiesa Cattolica Romana, riconosciamo il sacramento dell’Ordine Diaconale alle donne. Gli ordini amministrati dalla Chiesa Cristiana Anglo Cattolica  sono: il Diaconato maschile e femminile, il Presbiterato solo per gli uomini, l’Episcopato e per i laici il Diaconato Permanente, i Ministri dell’Eucarestia e i Pastori della Parola (ordine introdotto dalla nostra Chiesa). Il Matrimonio può essere amministrato nella Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, anche in seconde nozze. Il Sacramento del Matrimonio può essere annullato in qualsiasi momento rispettando una determinata procedura e tempi previsti dal Codice di Diritto Canonico della Chiesa Cristiana Anglo Cattolica. I Divorziati possono essere risposati per un massimo di due volte. Il Matrimonio può essere amministrato da tutti i Ministri regolarmente e validamente ordinati. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica non fa distinzioni di sesso nell’amministrare il sacramento del matrimoni, ma elargisce questo dono con amore e gioia a tutti. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica crede fermamente nei diritti supremi dell’essere umano e nella sacralità della vita. Respingiamo fermamente, tutte le pratiche atte a violare i diritti dell’uomo. Siamo convinti che, l’uomo nella vita può commettere numerosi sbagli, ma nessuno può o deve essere punito con la pena di morte. Nessuno possiede in se il diritto di decidere sulla vita dell’essere umano, questo diritto e privilegio, resta del Padre Eterno e Dio della Vita. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica condanna tutti gli Stati, che attuano tale pena senza rispettare il “diritto alla vita”. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica respinge con forza la pratica dell’aborto, condannando in pieno tutti coloro che attuano questo rimedio estremo. L’aborto è considerato dalla Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, un metodo simile alla Pena di Morte, pertanto deve essere condannato e respinto con forza. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica condanna con la pena della scomunica, tutte le persone che praticano questo metodo poco umano. L’aborto è considerato dalla Chiesa Cristiana Anglo Cattolica “un omicidio” commesso consapevolmente da entrambi le parti “medici e pazienti”. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica riconosce una Chiesa, Santa, Cattolica e Apostolica. Questa non è una sequenza attribuita alla “Chiesa di Roma” ma a tutte le Chiese Cristiane che si professano “Cattoliche”. Il termine “Cattolica o Cattolico” gode di un significato molto più ampio di quello attribuito da moltissime persone. Cattolica o Cattolico, porta in se il significato divino dell’Universalità della Fede dell’Uomo. Tutti professano la “Cattolica fede” tramandata dagli Apostoli e dai Santi Dottori della Chiesa. Pertanto, la Chiesa Cristiana Anglo Cattolica si professa “Cattolica” perché si sente unita alla salvezza “universale” di Cristo. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica, pur restando della propria indipendenza e autonomia, non si scontra con nessuna Chiesa Cristiana o Cattolica, perché questo scontro sarebbe controproducente per tutti. Intendiamo professare la “fede cattolica” ovunque nel mondo, senza paura e pronti a morire per Cristo e per tutta la sua chiesa. La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica riconosce i sacramenti di tutte le Chiese Cristiane e Cattoliche. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica respinge con fermezza la cosiddetta “infallibilità” perché crediamo che l’uomo è stato generato nel peccato, tale resta fino alla fine della sua vita terrena. La Sacra Scrittura ci dice che “nessuno è giusto dinanzi a Dio” e ancora “il giusto pecca sette volte al giorno dinanzi a Dio”. Pertanto, si respinge con fermezza il “dogma dell’infallibilità”. Rifiutare l’infallibilità del Papa, non significa andare contro la Chiesa, ma essere realistici nel modo di vedere e pensare. Nessuno può essere “infallibile”. Questa infallibilità, la Chiesa Cristiana Anglo Cattolica  l’attribuisce al solo Signore Nostro Gesù Cristo, Figlio del Dio Trino e Unico. 
La Chiesa Cristiana Anglo Cattolica non attribuisce al Papa il Primato Apostolico, quindi, non possiede la giurisdizione universale delle Chiese e dei Vescovi. Riconosciamo al Papa della Chiesa Cattolica Romana, il solo primato d’onore tra le chiese cristiane.

AGENDA APPUNTAMENTI